Ricerca e sviluppo continui

Costantemente impegnati per ottenere le massime prestazioni

La progettazione di prodotti compatti, economici e con le massime prestazioni possibili impegna costantemente il nostro staff tecnico in attività di Ricerca e Sviluppo.

Il calcolo delle perdite nei componenti induttivi
Il calcolo delle perdite nei componenti magnetici per alta frequenza è più complesso di quanto generalmente si ritiene e richiede la conoscenza di una vasta bibliografia.
Questo però non è sufficiente, l’esperienza ci insegna che in alcuni frangenti emergono perdite aggiuntive, non contemplate nella bibliografia odierna.
Itacoil ha investito decine di migliaia di ore-uomo in attività di Ricerca e Sviluppo e nell’implementazione di tools efficaci.

I tools disponibili
Molti tools economici o gratuiti disponibili sul web forniscono una veloce stima delle perdite, introducendo però errori che risultano fuorvianti ai fini dell’ottimizzazione.
Parimenti esistono vari tools commerciali con diversi livelli di accuratezza, fino ad arrivare all’analisi ad elementi finiti (FEA).
Questi tuttavia richiedono un impiego di grandi quantità di risorse per ciascun nuovo prodotto, che possono giustificarsi solo per produzioni in quantità veramente molto elevate.

CAE proprietari
Per essere in grado di ottimizzare profondamente i nostri prodotti con accuratezza e a costi accettabili, siamo costantemente impegnati nello sviluppo di software proprietari dedicati alle applicazioni di potenza delle topologie più utilizzate, basandoci sui risultati delle nostre attività di Ricerca e Sviluppo.
I notevoli investimenti in R&S ci hanno portato a definire negli anni algoritmi di progettazione ottimale e di automazione di buona parte delle operazioni.
Abbiamo sviluppato internamente anche un motore di simulazione Spice dedicato e molto più veloce dei simulatori commerciali. Questo simulatore è perfettamente integrato nell’ambiente che “conosce” tutti i vincoli e le caratteristiche dimensionali / parametriche di ogni componente, incluse le caratteristiche salienti di tutti i materiali dei nuclei in ferrite e dei fili per gli avvolgimenti che utilizziamo.

Pre-compliance
La mancata definizione anticipata delle prescrizioni di sicurezza necessarie su un trasformatore è una frequente causa di non-conformità, durante la certificazione di dispositivi elettronici, da parte dell’ente.
Questo genera costi e ritardi, la revisione del trasformatore, se non dell’intero progetto.
L’incremento delle distanze su un trasformatore può infatti comportare il peggioramento di alcuni parametri o il passaggio a taglie più ingombranti.
Abbiamo quindi realizzato uno strumento di analisi di pre-compliance che definisce anticipatamente, Creepage, Clearance, DTI e Rigidità dielettrica secondo le norme EN61558-1, EN61558-2-1, EN61558-2-4, EN61558-2-6, EN61558-2-16 (trasformatori) e EN61347-1, EN61347-2-13 (illuminazione).
Dato che le EN61558 sono richiamate da molte normative di prodotti elettronici, la validità si estende a molti altri standard.
L’efficienza di questo strumento e la nostra partecipazione ai lavori normativi del Comitato Tecnico CEI CT96 (norme EN61558), ci consentono di fornire un supporto difficilmente riscontrabile altrove e molto apprezzato dai nostri Clienti.

Le topologie risonanti
In relazione alle topologie risonanti LCC e LCC, sempre più utilizzate per i vantaggi universalmente riconosciuti, le funzionalità dei nostri tools non si limitano al design del solo trasformatore ma si estendono al design del tank ottimale tenendo in considerazione
– tutti i requisiti del cliente
– i vincoli e le interrelazioni tra i vari elementi che compongono il tank
– la tenuta dello ZVS in ogni condizione operativa e ogni possibile tolleranza dei componenti coinvolti.
Ciò assicura la realizzazione di convertitori di ottimo livello evitando le classiche reiterazioni di campionature e test, che tra l’altro non raggiungono lo stesso grado di ottimizzazione.

Lavoriamo al fianco del progettista elettronico
Ad oggi abbiamo un tasso di approvazione della prima campionatura definita “by design” attorno al 99%.
Inoltre il progettista elettronico è sollevato da attività onerose e il “time to market” si riduce sensibilmente.

Alcune comparazioni
Queste affermazioni possono trovare un riscontro nei test report elencati nella pagina delle demo-boards migliorate e in quella delle demo-boards equipaggiate con nostri prodotti.